Cosa sono gli NFT?

I token non fungibili o NFT sono risorse crittografiche su una blockchain con codici di identificazione univoci e metadati che li distinguono l’uno dall’altro. A differenza delle criptovalute, non possono essere scambiate o scambiate in equivalenza. Questo differisce dai token fungibili come le criptovalute, che sono identiche tra loro e quindi, possono essere utilizzate come mezzo per le transazioni commerciali.
 

Il modo più semplice per spiegare i token NFT è attraverso l’esempio di collezionisti di varie cose:
qualcuno durante l’infanzia ha raccolto tartarughe ninja / carte Pokemon da collezione o alcuni rari francobolli e fumetti. Per alcuni, questo hobby è diventato un lavoro a tempo pieno e la ricerca di oggetti rari.
Il valore degli oggetti da collezione sta nella loro rarità e unicità. Ad esempio: rare auto sportive dal design unico, prodotte in edizione limitata. O le figurine di baseball autografate da giocatori leggendari: il loro prezzo può raggiungere diversi milioni di euro.
L’ andamento dei token collezionabili sulla blockchain era questione di tempo. Questi token ora sono chiamati NFT (non-fungible token), ovvero “token non fungibili”, hanno tre proprietà principali: unicità, raritàindivisibilità. E’ possibile acquistare e vendere token NFT utilizzando le aste.

Gli NFT conferiscono la proprietà di cose virtuali o reali: immagini, immobili, musica, opere d’arte varie, oggetti di gioco, personaggi  tutto è limitato solo dalla fantasia degli autori!

Ad esempio NBA vende sul proprio sito videoclip da collezione di leggendari giochi di basket. Recentemente, 2 rari momenti collezionabili di LeBron James sono stati acquistati sul loro sito per  99.999$ e 208.000$. Sì, avete letto bene, alcune persone hanno dato centinaia di migliaia di dollari per il video tokenizzato in cui LeBron fa canestro. Questo video, tra l’altro, può essere guardato gratuitamente su YouTube…

Ora il segmento dei token NFT si sta sviluppando attivamente. Stanno emergendo varie piattaforme per collocare/acquistare e vendere oggetti da collezione. Alcuni grandi marchi come Samsung, Ubisoft, Formula 1, Nike, NBA, Warner Music,  UFC sono già entrati in questo mercato.

L’ immagine qui in basso è un esempio di un popolare articolo NFT. Niente di strano, solo un gatto virtuale da 1 milione di dollari 🙂

 
Oltre a rappresentare oggetti da collezione digitali come CryptoKitties, NBA Top Shot e Sorare , i token non fungibili possono essere utilizzati per asset digitali che devono essere distinti l’uno dall’altro per dimostrarne il valore o la rarità. Possono rappresentare qualsiasi cosa, dai lotti di terreno virtuali alle opere d’arte e alle licenze di proprietà.
 

Come funziona un NFT?

Gli NFT esistono su una blockchain, che è un registro pubblico distribuito che registra le transazioni. Probabilmente hai più familiarità con la blockchain come il processo sottostante che rende possibili le criptovalute.

In particolare, gli NFT sono generalmente detenuti sulla blockchain di Ethereum, sebbene anche altri blockchain li supportino.

Un NFT viene creato o “coniato” da oggetti digitali che rappresentano sia oggetti tangibili che immateriali, tra cui:

•   Arte

•   GIF

•   Video e momenti salienti dello sport

•   Oggetti da collezione

•   Avatar virtuali e skin per videogiochi

•   Scarpe da ginnastica firmate

•   Musica

Anche i tweet hanno avuto particolari valutazioni. Il co-fondatore di Twitter Jack Dorsey ha venduto il suo primo tweet in assoluto come NFT per oltre $ 2,9 milioni.

In sostanza, gli NFT sono come oggetti da collezione ma digitali. Invece di ottenere un vero dipinto ad olio da appendere al muro, l’acquirente ottiene invece un file digitale con i diritti di proprietà esclusiva, perchè gli NFT possono avere un solo proprietario alla volta. I dati univoci degli NFT semplificano la verifica della loro proprietà e il trasferimento di token tra i proprietari. Il proprietario o il creatore può anche memorizzare informazioni specifiche al loro interno. Ad esempio, gli artisti possono firmare le loro opere d’arte includendo la loro firma nei metadati di un NFT.

Come acquistare NFT

Se desideri iniziare la tua collezione NFT, dovrai acquisire alcuni elementi chiave:

Innanzitutto, dovrai procurarti un portafoglio digitale che ti permetta di archiviare NFT e criptovalute. Probabilmente dovrai acquistare della criptovaluta, come Ether, a seconda delle valute accettate dal tuo provider NFT. Puoi acquistare criptovalute utilizzando una carta di credito su piattaforme come Coinbase, Kraken, eToro e persino PayPal e Robinhood. Sarai quindi in grado di spostarlo dallo scambio al tuo portafoglio preferito.

Ti consigliamo di tenere a mente le commissioni mentre cerchi le opzioni. La maggior parte degli scambi addebita almeno una percentuale della tua transazione quando acquisti criptovalute.

Una volta che hai impostato e finanziato il tuo portafoglio, non c’è carenza di siti NFT per fare acquisti. 

Attualmente, i più grandi mercati NFT sono:

•   OpenSea.io : questa piattaforma peer-to-peer si autodefinisce un fornitore di “oggetti digitali rari e oggetti da collezione”. Per iniziare, tutto ciò che devi fare è creare un account per sfogliare le raccolte NFT. Puoi anche ordinare i pezzi in base al volume delle vendite per scoprire nuovi artisti.

•   Rarible : simile a OpenSea, Rarible è un mercato aperto e democratico che consente ad artisti e creatori di emettere e vendere NFT. I token RARI emessi sulla piattaforma consentono ai titolari di valutare funzionalità come commissioni e regole della community.

I token non fungibili sono sicuri?

I token non fungibili, che utilizzano la tecnologia blockchain proprio come la criptovaluta, sono generalmente sicuri. La natura distribuita delle blockchain rende gli NFT difficili, anche se non impossibili, da hackerare. Un rischio per la sicurezza per gli NFT è che potresti perdere l’accesso al tuo token non fungibile se la piattaforma che ospita l’NFT fallisce.

Condivdi: