Il 2020 è stato un anno impegnativo per molti. Allo stesso tempo, l’e-commerce è cresciuto come mai prima d’ora. Cosa possiamo aspettarci dal 2021? L’anno scorso, SearchNode ha pubblicato un rapporto sulle tendenze dell’e-commerce nel 2020 . Certo, all’epoca si sapeva poco del coronavirus che si sarebbe diffuso in tutto il mondo. Nel sondaggio si è parlato molto di Magento 2 (perché dal 1 giugno 2020 Magento non supporterebbe più Magento 1), una maggiore attenzione alla personalizzazione e alla sostenibilità ambientale.

Cosa è cambiato in dodici mesi? Scopriamolo, poiché la società tecnologica lituana ha pubblicato un nuovo rapporto sulle tendenze dell’e-commerce . Nell’ottobre 2020, la società ha interrogato circa 100 responsabili delle decisioni di e-commerce dall’Europa e dal Nord America.

Le entrate dell’e-commerce sono diminuite del 6% durante il blocco

Ovviamente c’erano domande sul Covid-19. Sembra che la maggior parte delle aziende di e-commerce abbiano visto aumentare le proprie entrate online durante il blocco globale nella primavera del 2020. Secondo il sondaggio, il 90% delle aziende ha visto aumentare le proprie vendite online almeno un pò, con il 50% degli intervistati che ha affermato che è cresciuto di oltre 100 percento. Tuttavia, il 6% afferma che le entrate dell’e-commerce sono diminuite durante il blocco.

Dopo il blocco, molti consumatori hanno ricominciato a fare acquisti presso i rivenditori fisici. Tuttavia, l’86% degli intervistati afferma che i propri ricavi online sono aumentati e solo il 4% afferma che sono diminuiti.

Entrate online dopo e durante il blocco globale - Searchnode 2021

Il margine di profitto online è aumentato del 38%

L’intera situazione del Covid-19 ha portato anche a catene di fornitura interrotte, servizio clienti con personale insufficiente e altro ancora. Ciò influisce direttamente sul margine di profitto online. Sembra che per il 38% dei responsabili delle decisioni di e-commerce il loro margine di profitto online sia cresciuto durante il blocco globale, mentre per una percentuale simile (40%) la situazione ha dichiarato la stessa. Solo il 15 per cento ha affermato che è diminuito.

L’impatto del Covid-19 sulla forza lavoro

La pandemia ha ovviamente portato anche ad alcuni cambiamenti nella forza lavoro delle aziende. Circa il 44% ha affermato di aver dovuto trasferire il personale, mentre tre su dieci hanno assunto più persone. L’altro lato della medaglia è che il 26% ha dovuto licenziare alcune persone e il 15% afferma di aver dovuto ridurre gli stipendi dei propri dipendenti. E forse un pò sorprendente per alcuni, ma il 5% è riuscito ad aumentare gli stipendi. E ancora più sorprendente: il 21% delle aziende non ha modificato affatto la propria forza lavoro.

Il 23% degli operatori omnicanale ha visto aumentare le vendite offline

Un altro risultato interessante dello studio è che per i rivenditori che hanno negozi sia online che offline, il 23% afferma che le vendite offline sono aumentate e il 16% è riuscito a mantenerlo simile. Sfortunatamente, per il 43% le vendite offline hanno subito un duro colpo.

Misurazioni per rivenditori fisici

Molti rivenditori di mattoni e malta hanno dovuto cambiare drasticamente la loro attività se volevano evitare di chiudere l’attività. Quindi, molte nuove pratiche sono state introdotte lo scorso anno. Tra i partecipanti, il 31% ha introdotto il ritiro in negozio, mentre il 26% ha scelto di introdurre la consegna a domicilio. Sfortunatamente, circa uno su cinque ha dovuto chiudere definitivamente alcuni negozi fisici.

Misurazioni effettuate da rivenditori offline - Searchnode 2021

Tutto sommato, il coronavirus ha avuto un forte impatto sui rivenditori online a diversi livelli. Tra le principali sfide per le attività di e-commerce, le catene di approvvigionamento interrotte e il soddisfacimento della domanda di prodotti sono state quelle maggiormente menzionate. Ma anche le operazioni limitate dovute al blocco, alla gestione dell’inventario e alla mancanza generale di dipendenti sono state alcune sfide chiave per i rivenditori online. E il 17% ha affermato che è stato difficile perché ha bisogno di chiudere i propri negozi fisici.

Una catena di approvvigionamento interrotta è stata la sfida principale per molti rivenditori online in Europa.

Modifica delle strategie

L’anno scorso, molti intervistati hanno affermato che avrebbero principalmente implementato, migliorato o modificato la personalizzazione, la ricerca sul sito e l’omnicanalità. Quest’anno, ovviamente, la visione strategica è cambiata a causa del Covid-19. La maggior parte delle aziende (45%) si concentrerà ora maggiormente sulla parte digitale della propria attività, adeguando l’assortimento, investendo in nuovi software di e-commerce o concentrandosi maggiormente sui canali di marketing online.

Uno su cinque ha affermato che intensificherà le azioni, il che significa che devono eseguire le proprie strategie e agire più velocemente. Uno su dieci afferma di essere concentrato maggiormente sugli adeguamenti dei negozi fisici e l’8% ha optato per gli adeguamenti della catena di approvvigionamento, da quelli minori a quelli completamente nuovi o alla logistica.

Conseguenze finanziarie

Nonostante tutte le cose brutte accadute a causa del coronavirus, finanziariamente il 2020 non è stato così male per molte società di e-commerce. La maggior parte di loro (63%) afferma che l’anno (fino a ottobre) è stato un successo. E il 28% afferma che la propria attività di e-commerce sta andando bene, mentre i negozi fisici no. E un sorprendente 2 per cento ha detto il contrario!

Risultati finanziari per le società di e-commerce - Searchnode 2021
Condivdi: